In programmazione

In primo piano

TUTTI LO SANNO

Ven 22 Febbraio ore 21.00
Sab 23 Febbraio ore 21.00
Dom 24 Febbraio ore 20.30

 

 

 

MIA E IL LEONE BIANCO

Dom 24 Febbraio ore 16.30 e 18.30

 

 

 

 

SULLE SUE SPALLE

Gio 21 Febbraio ore 20.00

a segurie dialogo con Elena Bergonzini e Stefano Merzi
(Scuola di pace Monte Sole)

TUTTI LO SANNO di Asghar Farhadi

Spettacoli:

Ven 22 Febbraio ore 21.00
Sab 23 Febbraio ore 21.00
Dom 24 Febbraio ore 20.30

  • DATA USCITA:
  • GENERE: Drammatico
  • ANNO: 2018
  • REGIA: Asghar Farhadi
  • ATTORI: Penélope Cruz, Javier Bardem, Ricardo Darín, Eduard Fernández, Bárbara Lennie, Inma Cuesta, Elvira Mínguez, Ramón Barea, Roger Casamajor, JoséÁngel Egido
  • PAESE: Spagna, Francia, Italia
  • DURATA: 132 Min
  • DISTRIBUZIONE: Lucky Red

TRAMA:

Diretto e sceneggiato da Asghar Farhardi, Tutti lo sanno racconta la storia di Laura, interpretata dall’attrice premio Oscar Penelope Cruz.

Laura è una donna con una storia singolare alle spalle, che l’ha portata ad affrontare molte difficoltà nel corso della sua vita. Il bagaglio di esperienze che Laura trascina con sé è carico di decisioni difficili che, coinvolgendo inevitabilmente altre persone, ora continuano a tormentarla. Ma il vero macigno che grava sulla sua esistenza è un oscuro segreto, con il quale convive ormai da anni.
Nel momento in cui si trova costretta a doverlo rivelare per superare una situazione drammatica, sarà per lei come aprire il vaso di Pandora della propria anima tormentata, e si libererà da molti pensieri che la appesantivano da troppo tempo. Questo momento tanto cruciale quanto delicato coincide con il matrimonio della sorella.
Per l’occasione, infatti, Laura lascia Buenos Aires per partire alla volta di Madrid insieme ai figli. Il ritorno nella sua piccola città natale, nel cuore di un vigneto alle porte della capitale spagnola, farà tornare a galla un passato turbolento, che infrangerà quello che doveva essere un sereno ricongiungimento familiare. Gli eventi inaspettati che turbano Laura coinvolgeranno anche tutti gli altri personaggi, trascinandoli in una serie di vicissitudini che cambieranno per sempre il corso delle loro esistenze.
Nato in seguito a un viaggio del regista nel sud della Spagna, il film è ambientato in un piccolo paese per una scelta precisa: diversamente dalle grandi città, caotiche e frenetiche, qui i rapporti umani si instaurano secondo ritmi più meditativi e semplici, avvolti in un’atmosfera quasi nostalgica.
Non solo: gli abitanti di un paese sono più vicini e solidali tra loro, perché sono in pochi e tutti si conoscono. Al fianco di Penelope Cruz, il marito Javier Bardem nei panni di Paco, un instancabile contadino che è nato nella casa in cui vive la famiglia di Laura. Anche il suo passato riemergerà bruscamente, rischiando di travolgere la sua vita presente, che con tanta fatica si è costruito nel corso degli anni partendo da zero, dalla terra.
Infine l’attore Ricardo Darín interpreta Alejandro, il marito argentino di Laura. Alejandro non ha mai avuto problemi economici e si è sempre fatto in quattro per aiutare il paese da cui proviene Laura, finché la sua situazione non è cambiata e ha perso quasi tutto. Per questo non può recarsi al matrimonio della cognata e rimane a Buenos Aires in cerca di lavoro, passando da un colloquio all’altro nella speranza di uscire da questo momento di crisi. Ma un imprevisto lo farà salire immediatamente su un aereo diretto in Spagna: deve intervenire nella situazione drammatica che viene a crearsi al matrimonio.

 

Vedi il trailer:

Youtube_2013

SULLE SUE SPALLE di Alexandria Bombach

Spettacoli:

RASSEGNA: Proiezioni dal presente

Violenza, guerre e fondamentalismi abitano il nostro presente. Analizzare e capire ciò che succede è occasione per decidere come agire. Emozioni e storie come spunti per dialogare: a che punto è la democrazia e come vogliamo essere nel futuro?
Quattro serate per un cinema che non è solo intrattenimento ma occasione di approfondimento e confronto.

Gio 7 Febbraio ore 20.00

Un film su Nadia Murad, Premio Nobel per la pace 2018, e sulla violenza dei miliziani dell’Isis nei confronti della comunità yazida.

Introduzione Martina Castaldini
Dialogo con Elena Bergonzini e Stefano Merzi (Scuola di pace Monte Sole)

 

 

 

Trama del film:

Sulle sue spalle, il film diretto da Alexandria Bombach, segue la storia di Nadia Murad, Premio Nobel 2018 per la Pace. Nadia Murad è una sopravvissuta: aveva appena 20 anni la notte del 3 agosto 2014, quando l’Isis attaccò Sinjar, la sua città natale, e sterminò la sua famiglia insieme a gran parte della popolazione di fede Yazidi. Lei fu catturata, subì ogni genere di violenza e solo per una coincidenza riuscì a mettersi in salvo.
Ora Nadia è diventata il volto di un popolo dimenticato e, giorno dopo giorno, combatte una battaglia difficile e dolorosa, quella per la memoria. Dai campi di profughi in Grecia ai raduni di sopravvissuti a Berlino, dal Parlamento canadese alla sede della Nazioni Unite, questa ragazza giovanissima continua a raccontare la sua storia e trova il coraggio di ripercorre ancora una volta quei momenti terribili, riaprendo ferite recenti. Perché quanto è accaduto e sta tuttora accadendo non passi sotto silenzio. Perché la sua voce diventi il grido di speranza di un intero popolo.

Guarda il trailer:

https://www.youtube.com/watch?v=zS4x7V8HlGw

 

 

MIA E IL LEONE BIANCO di Gilles de Maistre

Spettacoli:

Dom 24 Febbraio ore 16.30 e 18.30

  • DATA USCITA:
  • GENERE: Drammatico, Family
  • ANNO: 2018
  • REGIA: Gilles de Maistre
  • ATTORI: Daniah De Villiers, Mélanie Laurent, Langley Kirkwood, Ryan Mac Lennan, Lionel Newton, Tessa Jubber, Brandon Auret
  • PAESE: Francia
  • DURATA: 98 Min
  • DISTRIBUZIONE: Eagle Pictures in collaborazione con Leone Film Group

TRAMA:

Mia e il Leone Bianco, il film diretto da Gilles de Maistre, vede protagonista la giovane Mia (Daniah De Villiers). Quando era solo una bambina ha stretto una straordinaria amicizia con Charlie, un leoncino bianco nato nell’allevamento di felini dei genitori in Sudafrica.
Per anni i due crescono insieme e condividono ogni cosa. Ormai quattordicenne, Mia scopre che il suo incredibile legame con Charlie, divenuto uno splendido esemplare adulto, potrebbe finire da un momento all’altro…

Mia e il leone bianco è una produzione curiosa e anomala, perché è stata girata nel corso di due anni e mezzo.
La complessità produttiva risiedeva nell’interazione di una bambina con un leone vero. Il regista e sceneggiatore Gilles de Maistre intendeva filmarla sul serio senza ricorrere a fotomontaggi o animazioni digitali, ma persino lo specialista e documentarista Kevin Richardson aveva spento le sue speranze: per ottenere una familiarità, la piccola e il leone sarebbero dovuti crescere insieme nell’arco di circa tre anni, il tempo necessario all’animale per passare da cucciolo ad adulto formato.
Gilles aveva avuto l’idea del film girando un documentario sul rapporto tra i bambini e gli animali selvaggi, proprio nel Sud Africa dove ha incontrato la giovanissima Daniah De Villiers dopo 300 provini. Con la collaborazione di Richardson, alla fine De Maistre ha girato sul serio il lungometraggio in un arco di tempo di due anni e mezzo, dal maggio del 2015 al dicembre del 2017, in quattro sessioni di riprese di tre giorni. Negli stessi periodi Daniah e Ryan McLennan (nel film suo fratello) si esponevano a parallele sessioni cosiddette di “impregnation” di due-tre ore settimanali, dove Richardson li istruiva sul modo in cui rapportarsi all’animale, che doveva abituarsi a loro. La seconda metà della lavorazione è stata più delicata, quando Thor (questo il nome del leone) ha raggiunto l’anno e mezzo, il momento in cui il leone entra in una fase d’adolescenza che lo rende imprevedibile e potenzialmente più pericoloso.
Stando agli autori, la sfida più grande è stata non tanto far interagire il felino con Daniah senza rischi, quanto trovare dei genitori “abbastanza folli” da accettare la sfida, il rischio e la durata dell’impegno. Il produttore del film è l’attore Jacques Perrin, ultimamente presente come attore in un altro film per famiglie, Remi (dove veste i panni del protagonista da anziano).

Vedi il trailer:

Youtube_2013