GIORNI D’ESTATE

Spettacoli:
Ven 30 Settembre ore 21.00 acquista online
Sab 1 Ottobre ore 21.00 acquista online
Dom 2 Ottobre ore 16.30, 18.30 e 20.30 acquista online

 

Data di uscita: 25 agosto 2022
Genere: Drammatico, Guerra, Sentimentale
Anno: 2020
Regia: Jessica Swale
Attori: Gemma Arterton, Gugu Mbatha-Raw, Penelope Wilton, Tom Courtenay, Lucas Bond, Dixie Egerickx, Siân Phillips, Amanda Root, Jessica Gunning, David Horovitch, Martina Laird
Paese: Gran Bretagna
Durata: 102 min
Distribuzione: Movies Inspired
Sceneggiatura: Jessica Swale
Fotografia: Laurie Rose
Montaggio: Tania Reddin
Musiche: Volker Bertelmann
Produzione: Iota Films, Shoebox Films
TRAMA:

Giorni d’estate, film diretto da Jessica Swale, racconta la storia di Alice (Gemma Arterton), una scrittrice indipendente ed esperta di folklore, che conduce una vita solitaria tra le scogliere a picco sul mare nell’Inghilterra meridionale. Siamo negli anni della Seconda guerra mondiale e Alice ha deciso di isolarsi nel suo studio, lontano dai bombardamenti, per dedicarsi ai miti, analizzandoli in un’ottica scientifica e cercando di sfatarli per negare l’esistenza della magia.
La donna trascorre le sue giornate da sola ed è perseguitata da una storia d’amore del passato, da quando è finita, infatti, non ha più aperto il suo cuore a nessuno.
Un giorno le viene affidato un giovanissimo sfollato londinese di nome Frank (Lucas Bond). Alice deve prendersi cura di lui, dopo che la città è stata bombardata, ma vede il ragazzo solo come un ostacolo ai suoi studi e alle sue ricerche. Giorno dopo giorno, però, i due si renderanno conto di aver più cose in comune nel loro passato e la scrittrice rimarrà colpita dall’innocenza e dalla curiosità di Frank, che risveglieranno in lei un istinto materno che credeva aver sepolto per sempre dopo la fine della sua relazione.

Vedi il trailer:

Trailer Elvis

 

 

 

Maraviglioso Ferondo

Lo spettacolo di Lun 3 Ottobre ore 20.30 è stato rinviato al 24 ottobre ore 20.30 – prenota online

SPETTACOLO TEATRALE DAL VIVO

Entrata ad offerta libera

Dopo “Natale al Basilico”, “Regalo di nozze” e “La Cenerentola”, i Melodrammatici tornano in scena con “Maraviglioso Ferondo”

 

Boccaccio è stato un grande narratore, probabilmente il maggiore del suo secolo. E in lui, io credo, agiscono tensioni narrative che possono risolversi facilmente in un buon dramma. È con questa idea che prende vita la nuova commedia dei “Melodrammatici”, il cui titolo completo è “Maraviglioso Ferondo: ovvero, historia d’una beffa amorosa ruzzolata in Purgatoro”. In un’ambientazione che trasuda medievalità da ogni poro -dai costumi agli oggetti scenici, dalle parole allo studiato contegno dei personaggi- “Maraviglioso Ferondo” prende liberamente le mosse da una novella del Decameron tanto gustosa quanto poco conosciuta: è l’ottava della terza giornata, che, per sfuggire ai prevedibili spoilers, siete tutti invitati a leggere non prima di aver assistito al nostro spettacolo.

“Maraviglioso Ferondo” è diviso in tre atti. Alla fine dei primi due, saranno concesse due pause di una decina di minuti ciascuna: è probabile, quindi, che la durata complessiva dello spettacolo si aggirerà attorno al paio d’ore.

La gestazione dell’opera ha avuto una trafila burrascosa e ha richiesto tempi ben più dilatati rispetto alle precedenti commedie: basti sapere che il copione era già pronto ai primi mesi del 2020, e purtroppo non occorre precisare la ragione di tale procrastinazione. È per questo motivo che, parallelamente allo spettacolo, ha preso vita il laborioso film di “Maraviglioso Ferondo”. La trascrizione cinematografica dell’opera, intrapresa dalla compagnia nei mesi precedenti la riapertura dei teatri, ha richiesto una discreta capacità di adattamento alla nuova realtà artistica: nondimeno, possiamo orgogliosamente attestare che l’esperimento è riuscito pienamente. Saranno rese pubbliche, a breve, le date delle proiezioni al Cinema Perla e al Teatro Dehon.

Tutto questo – lo spettacolo, il film- è stato reso possibile grazie alla preziosa collaborazione con l’accademia culturale “Castelli in Aria”, associazione no profit specializzata in accurate rievocazioni storiche tardo medievali e rinascimentali, che comprendono l’allestimento di tornei, la preparazione di ricchi banchetti, svariati spettacoli ornati di canti, musiche e balli dei tempi passati. Scopo precipuo dell’associazione è quello di tramandare e divulgare le antiche tradizioni e la nostra cultura regionale, drammatizzandone la storia. A Cristiana Spampinato e Maurizio Ferretti, i dirigenti di “Castelli in Aria”, va pertanto il nostro più sentito grazie!